Home / Post / Banca Della Terra Di Puglia

Banca Della Terra Di Puglia

#BancaDellaTerra – È ora di mettere un freno all’abbandono di terreni agricoli pubblici e privati.
Le nostre campagne molto spesso si trasformano in vere e proprie discariche a cielo aperto.
Con questa proposta di legge si istituisce una “Banca della Terra di Puglia” con un censimento continuo del nostro territorio e l’inserimento dei terreni abbandonati in una banca dati on line di pubblico accesso.
Inoltre i proprietari che non possono custodire, coltivare e curare il proprio terreno possono decidere di darlo in concessione a un giovane agricoltore con una semplice richiesta da inviare al Dipartimento agricoltura regionale che provvederà ad inserirlo nella suddetta banca dati.
Tanti poi sono i terreni comunali o regionali abbandonati e che in questo modo possono essere impiegati per scopi produttivi. Anche questo ed altri punti sono oggetto della presente proposta di legge.

Commenti

commenti

About Cristian Casili

Agronomo, 38 anni. Dottore in Scienze e tecnologie agrarie, iscritto all’Albo dei dottori agronomi e forestali della provincia di Lecce; consulente Tecnico d’Ufficio presso il Tribunale di Lecce; esperto in Gestione della qualità dei processi agro-industriali nel comparto biologico e Certificazione biologica; esperto in Chimica del suolo e inquinamento delle terre rosse mediterranee. Progetta sistemi di Fitodepurazione, recupero e riqualificazione di aree rurali. È consulente aziendale per la Tracciabilità e la rintracciabilità nella filiera degli ortofrutticoli e dell’olio extravergine di oliva. È specializzato in gestione delle aziende agroalimentari con particolare riguardo ai settori olivicolo e vitivinicolo.

Check Also

Twiga, Casili: “La Puglia è una storia di successo scritta da tanti imprenditori lungimiranti. Non la scopre certo Briatore”

In merito alla querelle che si è accesa dopo la decisione da parte di Briatore di ritirare l’utilizzo del suo marchio Twiga, Casili...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *