Fanno i tedeschi con gli sforzi degli altri. Porsche stabilizzi i lavoratori!

NARDO’ (Lecce) – “Assolutamente deludenti fino ad oggi gli esiti degli incontri tra sindacati e Ntc-Porsche. L’azienda ha 100 lavoratori interinali, alcuni dei quali lavorano nel circuito da oltre un decennio, ancora in condizione di forte precarietà lavorativa”. Cristian Casili, consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle e vicepresidente della V commissione, interviene sulla vertenza riguardo il circuito neretino, giudicando insoddisfacente la stabilizzazione di 10 lavoratori a fronte di una presenza in azienda di numerosi dipendenti precari.

“Appare inspiegabile – aggiunge – come la Porsche Engineering continui a non recepire i punti fondamentali della contrattazione che caratterizza il gruppo aziendale in altri territori, dove applicano un’adeguata tutela dei lavoratori. Infatti le aziende del gruppo, come Lamborghini e Ducati, sono state esempio di sottoscrizione di contratti all’avanguardia. A Nardò invece non è così, qui regna ancora la precarietà, con l’assunzione di interinali disattendendo quanto prevede la legge, cioè un rapporto di 1 lavoratore somministrato su 20 lavoratori stabilizzati. È una discriminazione geografica che non fa onore al blasone e all’immagine del gruppo Porsche. Anche perché l’azienda, a suo tempo, ha usufruito di importanti risorse economiche da parte della Regione Puglia.

Per queste ragioni – conclude il consigliere – sarebbe doveroso chiudere per sempre questo sgradevole sistema di contrattazione, che ha visto tanti lavoratori scelti in maniera discrezionale, senza l’utilizzo di graduatorie e senza quelle buone pratiche di contrattazione di secondo livello che caratterizzano le altre aziende del gruppo in altre parti d’Europa”.

Cristian Casili

via CorriereSalentino.it

Commenti

commenti

About Cristian Casili

Agronomo, 38 anni. Dottore in Scienze e tecnologie agrarie, iscritto all’Albo dei dottori agronomi e forestali della provincia di Lecce; consulente Tecnico d’Ufficio presso il Tribunale di Lecce; esperto in Gestione della qualità dei processi agro-industriali nel comparto biologico e Certificazione biologica; esperto in Chimica del suolo e inquinamento delle terre rosse mediterranee. Progetta sistemi di Fitodepurazione, recupero e riqualificazione di aree rurali. È consulente aziendale per la Tracciabilità e la rintracciabilità nella filiera degli ortofrutticoli e dell’olio extravergine di oliva. È specializzato in gestione delle aziende agroalimentari con particolare riguardo ai settori olivicolo e vitivinicolo.

Leggi Anche

Cesine: Basta plastica!

Cesine: basta plastica!

Questa mattina insieme a tanti colleghi e attivisti ci siamo ritrovati sul litorale delle Cesine. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.